01. April 2022

Grandi piccoli campioni

Lilu und Alex beschriften die ausgeteilten Kochmützen

Nel quadro del programma di Theodora «Piccoli Campioni», i nostri artisti visitano bambini e giovani con problemi di sovrappeso e obesità. Abbiamo accompagnato Lilu e Wolle durante un soleggiato pomeriggio al programma di gruppo certificato e multidisciplinare «Hulahopp» dell’Ospedale cantonale di Lucerna.

«Lilu, Lilu, vieni, siamo seduti qui davanti!», chiama Alex*, un bimbo di dieci anni, e tira verso la prima fila dei banchi la sorpresa artista di Theodora. Intorno a lei simpatiche ante di armadi giallo-rossi e allegri raggi di sole. Di fronte, un tavolo pieno di ingredienti – oggi si prepara qualcosa di buono!

Mentre l’artista con i due buffi chignon e la gonna di tulle bianco si siede accanto ad Alex in prima fila, iniziano a riempirsi lentamente anche gli altri banchi. Otto bambini con le loro persone di riferimento si riuniscono in questo primaverile mercoledì pomeriggio in un’aula a Kriens. Presto si vedono diverse teste addobbate con copricapi bianchi. Sul cappello da cuoco di Alex c’è scritto: «I am happy» e «I love Football». Accanto un cuore dipinto da Lilu.

Allegra varietà nel programma di gruppo «Hulahopp»

Dopo il messaggio di benvenuto, le persone di riferimento seguono la nutrizionista Lea Guidon nella stanza accanto per discutere il tema dei pasti equilibrati e le ricette casalinghe più popolari. Ai bambini viene rivolta la prima domanda: «Cos’è importante per essere in forma ed efficienti?». Nessuno alza la mano. D’un tratto si sente una vocina provenire dall’ultimo banco: «Forse dormire bene?». Il collega di Lilu, Wolle (cioè lana), la cui capigliatura rende davvero onore al suo nome, si guarda intorno con aria interrogativa. E viene subito elogiato. Il ghiaccio è rotto – le altre risposte si susseguono una dopo l’altra. «I simpatici personaggi, che non hanno paura di fare delle gaffe, portano un’allegra varietà nei nostri incontri di gruppo. Con loro tutto è più leggero e i ragazzi osano di più», spiega Andrea Ramseier, responsabile del team «Hulahopp» e consulente nel campo psicosociale, anche lei questo pomeriggio davanti al gruppo di bambini con cappello da cuoca.

Lilu, sei la migliore!

Alex, 10 anni

Il programma di gruppo multidisciplinare «Hulahopp» per bambini e ragazzi in sovrappeso viene offerto dal centro per la cura dell’obesità della Svizzera centrale. L’obiettivo è quello di fornire ai bambini vari incontri durante il programma annuale e di incoraggiarli a lavorare sul loro peso e sulle loro abitudini quotidiane. Il programma fornisce impulsi che incoraggiano a muoversi di più nella vita di tutti i giorni e a mangiare in modo più equilibrato. I bambini fanno esperienze, allenano le loro capacità motorie, ricevono consigli per ottimizzare il proprio comportamento alimentare e la propria attività fisica e si scambiano tra loro. Lo scopo è anche quello di rafforzare le loro competenze e la fiducia in se stessi. Al programma partecipano tre esperti nel campo dell’esercizio fisico, dell’alimentazione e della psicologia, i quali offrono ai bambini di età compresa tra i 10 e i 13 anni sostegno e ispirazione. Il programma è seguito da un medico.

Die kleinen Champs und Lilu freuen sich auf das Birchermüesli
I piccoli campioni e Lilu in azione: insieme cucinare e muoversi è molto più divertente.

Birchermüesli con sale ridarello

Nel frattempo, sulla cattedra sono apparsi diversi ingredienti e si pone la domanda su cosa fare con latte, fiocchi di avena, mele, banane e yogurt… Ma certo, un birchermüesli! Ben presto la variopinta troupe si riunisce e taglia, grattugia e pesa a più non posso – o almeno quasi tutto il team. Infatti, mentre Simon sta già provando il suo müesli, Alex e Lilu sono ancora bloccati al secondo passo della ricetta. Leggermente confusa, l’artista guarda il vivace ragazzino dagli occhi scintillanti e il sorriso malizioso: «Dici che dobbiamo metterci anche del caffè?». Alex scoppia a ridere, gridando un forte «Nooo!».

Die kleinen Champs bereiten ein Birchermüesli vor
Sotto la guida di Andrea Ramseier, i piccoli campioni preparano un buon birchermüesli.

Anche Anna e Wolle non fanno progressi… le mele si prestano troppo bene come palle da giocoliere. Inoltre, è anche scoppiato il cappello di Wolle. Ma ecco che Andrea avverte che in dieci minuti deve essere tutto pronto. Spaventato, Wolle si gira: «Fai veloce, Anna!» e versa nel birchermüesli una bella porzione di «sale ridarello» dalla sua saliera sonora.

Wolle und Anna beim Zubereiten von Birchermüesli
Anna e Wolle sono piuttosto lenti nella preparazione del loro birchermüesli – cosa che li fa divertire ancora di più.
Wolle und eine Teilnehmerin des Gruppenprogramms jonglieren mit einem Apfel
Questo non va nel birchermüesli…? Wolle e una partecipante si lanciano le mele.

Alla fine, tutti riescono a finire in tempo e i bambini potranno portarsi il birchermüesli a casa per cena.

Allegro percorso

Adesso è arrivato il momento di fare un po› di movimento. Assieme alle persone di riferimento i ragazzi giocano a rincorrersi nella palestra. L’obiettivo dell’offerta «Hulahopp» sembra raggiunto.

Wolle und Anna ziehen am selben Strick
Wolle e Anna remano nella stessa direzione.

Anche Lilu e Wolle padroneggiano con bravura il loro ruolo di colleghi motivati, simpatici e un po’ goffi. Con molta empatia si relazionano con i singoli bambini e, grazie alla loro allegria contagiosa, rendono più facile l’apprendimento. «Gli artisti di Theodora trasmettono umanità e ai ragazzi fa bene vedere che nessuno è perfetto. Inoltre, con il loro carattere aperto e allegro contribuiscono a creare un’esperienza positiva», aggiunge Andrea Ramseier.

Andrea Ramseier - Teamleiterin Hulahopp
Si ingaggia con cuore e anima per i bambini: Andrea Ramseier, responsabile del programma di gruppo multidisciplinare «Hulahopp»
per bambini e giovani con problemi di sovrappeso.

Nell’ulteriore parte dedicata al movimento, la fisioterapista Luka Krist presenta un percorso di esercizi fisici. Una stuoia appoggiata su delle palle, una panca sospesa nella spalliera svedese e altre postazioni sono già pronte. Non appena Luka pronuncia la frase «Lo facciamo in gruppi da due», Alex afferra la mano di Lilu e pochi secondi dopo si stanno già sfidando in una gara sul pedalò per allenare l’equilibrio. Dopo aver superato tutte le postazioni, è arrivato il momento della conclusione comune. Nel frattempo, Alex guarda Lilu speranzoso e chiede: «Lilu, torni mercoledì prossimo? Sei la migliore!»

Testo: Patrizia Brosi / Foto: Jakob Ineichen

Alex und Lilu beim Wettrennen auf den Pedalo-Gleichgewichtstrainern
Alex e Lilu in competizione sui pedalò.

2'800 Glücksmomente für Kinder im Spital

Nächster Artikel